Parigi vive giorni di gran fermento per la FIAC 2014.

L’appuntamento interamente dedicato all’arte ha investito la capitale francese è cominciato nello scrigno verde del Jardin de plantes-Muséum national d’Histoire naturelle già venerdì 17 ottobre, per poi conquistare, come ormai da qualche anno a questa parte, il Jardin des Tuileries e infine accendere il Grand Palais (la Nef, il Salon d’honneur e le gallerie del Niveau 1 e del Secteur Lafayette), estendendosi ad una serie di luoghi cult riportati nel programma ‘hors les murs’ www.officielleartfair.com.

Im Wald, A + B Blume, 1992 Tirages sur papier aux sels d'argent 2 / 1.20 x 0,80 Courtesy Galerie Françoise Paviot Representé(e) par:Françoise Paviot

Im Wald, A + B Blume, 1992 Tirages sur papier aux sels d’argent 2 / 1.20 x 0,80 Courtesy Galerie Françoise Paviot Representé(e) par:Françoise Paviot

L’edizione numero 41 aprirà all’insegna dei grandi numeri con 191 gallerie provenienti da 26 paesi diversi (l’Italia è quinta, con 11 rappresentanze, dopo Francia, USA, Germania e Regno Unito) con diverse new entry come la Norvegia, Arabia Saudita, Portogallo, India e Giappone, mentre diminuisce progressivamente l’eurocentrismo (65% di presenze europee contro il 73% dello scorso anno).
L’evento è iniziato con una piccola polemica riguardante ‘The Tree’, l’opera gigante firmata Paul McCarthy e situata in Place Vendôme, che è stata vandalizzata e non sarà reinstallata per decisione dello stesso artista americano, La grande fiera, caratterizzata da una spiccata vocazione generalista, si conferma come uno degli incontournable della stagione artistica dal 1974. Un’istituzione costantemente attenta agli spunti della creazione contemporanea e pronta ad interrogarsi sulle trasformazioni che investono il mondo espositivo. Dai grandi mutamenti ai quali sono sottoposti gli spazi agli adattamenti di musei e gallerie, passando per l’aggiornamento delle pratiche artistiche ed i nuovi strumenti multimediali, la Fiac resta uno degli snodi più importanti della riflessione europea sul mondo dell’arte. Basata su un meccanismo ben rodato di integrazione tra pubblico e privato, l’importante kermesse artistica costituisce uno squarcio privilegiato per abbracciare in un solo sguardo sia l’arte moderna che quella contemporanea, senza dimenticare gli echi della creazione emergente. Collocata nel seno della città degli artisti per eccellenza, la Fiac riproduce con estrema attenzione il macrocosmo dell’arte odierna, concentrandosi sulle pratiche attuali e riassumendo, attraverso una grande reattività, l’estrema mutevolezza della concezione, colta nel suo inarrestabile meccanismo evolutivo.
In uno spirito di continuità che prosegue da più di quattro decenni, la Fiac ha saputo rinnovarsi, aprendosi al tessuto urbano di Parigi e sposandone i nuovi elementi, come dimostra (OFF)ICIELLE, il nuovo polo della fiera ubicato presso i Docks.

La grande novità: (OFF)ICIELLE

La più importante novità di questa edizione sarà infatti (OFF)ICIELLE www.officielleartfair.com, declinazione della fiera (nella nuova suggestiva location aperta nella primavera 2012) che si terrà dal 22 al 26 Ottobre 2014 ai Docks – Cité de la Mode et du Design, presso il moderno serpentone verde che costeggia la Senna nei pressi della Gare d’Austerlitz (XIII° arrondissement). Evento nell’evento l'(OFF)ICIELLE sarà inaugurata in avant-première il 21 ottobre e proseguirà con una serie di attività parallele a quelle del tradizionale polo installato al Grand Palais. Una sede atipica per riunire pionieri e protagonisti poco noti sulla scena internazionale nella quale vi invitiamo a scoprire i nostri coup de cœur, come La Galerie Particulière www.officielleartfair.com

Le conferme: il programma YCI e il Prix Duchamp

Tra gli attesi ritorni vi segnaliamo il programma YCI (Young Curators Invitational) www.fiac.com, ormai giunto alla nona edizione. Un progetto promosso congiuntamente dalla Fondation d’entreprise Ricard e dall’Institut Français destinato a sostenere una selezione di giovani curatori e il Prix Duchamp www.fiac.com, prestigioso ed atteso riconoscimento che sarà assegnato il 25 ottobre ad uno dei quattro artisti in lizza.

Video al canale youtube www.youtube.com

Da www.fiac.com

Questo articolo è disponibile anche in Inglese