Uno dei motivi ricorrenti in questi mesi è il preoccupante proliferarsi di dati relativi alla presenza di opere false nel mercato dell’arte.

Gli esperti del Fine Art Expert Institute (FAEI) di Ginevra stimano che la metà delle opere in circolazione siano false – un numero che è difficile da verificare ma che, afferma Yann Walther, responsabile dell’Istituto è, semmai, una sottostima. In effetti tra il 70 e il 90 per cento delle opere analizzate dal FAEI si rivela falso.
“Quando si acquista un appartamento – continua Walther – si ottiene sempre precedentemente una valutazione. Ma nel mondo dell’arte, fino a tempi recenti, è possibile acquistare opere a 10 milioni di euro senza una documentazione sufficiente” (Fonte: artdaily.com).

fine art expert

La dichiarazione di Walther segue una serie di vicende che hanno visto, solo negli ultimi sei mesi: la chiusura del Lucheng Museum a Bejing, dove quasi un terzo degli 8.000 reperti storici conservati si sono rivelati falsi; il blocco a Malpensa di 32 incisioni false di ‪Mirò e ‪Picasso provenienti dalla Colombia e corredate da attestazioni d’autenticità fittizie; un traffico d’arte internazionale che faceva base nel maceratese, scoperto quando l’organizzazione ha cercato di immettere nel mercato un dipinto del Rinascimento Italiano, raffigurante la “Madonna col Bambino con i Santi Elisabetta e Giovannino e un Angelo”, forzandone l’attribuzione raffaellesca.

In un quadro così problematico è evidente come il tema della documentazione e certificazione assumano un ruolo di primo piano per la tutela del valore dell’opera d’arte. È infatti urgente riflettere sul fatto che la conservazione dell’identità e dell’autenticità dell’opera sono rese possibili non solo dalla tutela dell’integrità fisica dell’oggetto nel tempo, ma anche dalla qualità dell’informazione, dell’archiviazione e delle istruzioni provenienti direttamente dall’artista.
La domanda che viene più frequentemente posta alle tecnologie è oggi orientata al possibile supporto dal punto di vista dell’archiviazione, per la salvaguardia del patrimonio artistico pubblico e privato.

Deianira Amico

Questo articolo è disponibile anche in Inglese